‘Bad Sisters’: Eve Hewson sul suo ruolo da ‘una volta nella vita’ e sul legame con Sharon Horgan

‘Bad Sisters’: Eve Hewson sul suo ruolo da ‘una volta nella vita’ e sul legame con Sharon Horgan

Se tua sorella subisse abusi da parte di suo marito, cosa faresti? Per Cattive sorelle‘ Fratelli Garvey, la risposta era semplice. Ma uccidere il cognato si è rivelato più difficile di quanto si aspettassero, non che avessero mai pensato che sarebbe stata una passeggiata nel parco.

Eve Hewson interpreta la più giovane delle cinque sorelle, Becka Garvey. Le donne sono state cresciute dalla sorella maggiore Eva (Sharon Horgan, che ha anche creato e scritto la serie) dopo la morte dei loro genitori anni prima. Becka è la prima a offrirsi volontaria per uccidere JP (Claes Bang), ma attraverso due linee temporali e molti tentativi di omicidio falliti, l’assassino di JP rimane un mistero fino all’episodio finale.

La dark comedy di Apple TV+ tornerà per la seconda stagione. Qui, Hewson condivide come lei, Horgan, Anne-Marie Duff (Grace), Eva Birthistle (Ursula) e Sarah Greene (Bibi) hanno reso la vicinanza delle sorelle Garvey così credibile, cosa aspettarsi nella seconda stagione e perché sente che Becka è stata il ruolo di una vita.

La dinamica delle sorelle Garvey è il cuore della storia. Come avete costruito quella vicinanza?

Eva Hewson: È molto particolare nella sceneggiatura il modo in cui scrive Sharon. E Sharon proviene da una famiglia irlandese molto numerosa, come puoi vedere, quindi è davvero autentica comunque sulla pagina. Le battute tra di noi, l’amore tra di noi, i diversi tipi di alleanze, era lì sulla pagina, e poi tutte le sorelle sono fantastiche. Ci amiamo sinceramente.

Quando abbiamo iniziato, eravamo nel bel mezzo del COVID e stavamo per leggere insieme una tabella. Poi alcune persone avevano contratto il COVID, o c’erano contatti stretti, qualunque cosa, quindi abbiamo finito per leggere una tabella su Zoom. E ricordo di aver detto: “Wow, la chimica tra le sorelle c’è, anche su Zoom?” Se c’è su Zoom, siamo a posto. Poi abbiamo fatto circa due settimane di prove, cosa che ho adorato e vorrei che ne facessimo di più, dove ci siamo semplicemente seduti attorno al tavolo, il cast principale, e abbiamo letto le sceneggiature.

Stavamo leggendo 100 tabelle diverse e siamo riusciti a trovare un ritmo, un tono e una familiarità reciproca che penso siano stati davvero portati a termine. È stato fantastico potersi guardare lavorare l’un l’altro e guardare le scene l’uno dell’altro e creare un legame lì. Ci siamo divertiti, sai? È stato un buon momento. E poi, dopo aver passato 10 mesi a girare insieme, finite comunque per diventare una famiglia.

AppleTV+

Sembra che tu abbia avuto un’esperienza un po’ più teatrale di quella che di solito è la TV.

Sì! Odiavo le letture da tavolo; Ero davvero spaventato da loro. E ora sono tipo, oh, no, dobbiamo leggere la tabella. È essenziale, specialmente con questo, perché è commedia ed è dramma. C’è un tono così specifico. Era importante per tutti noi sentirlo e capire.

Individuare il tono specifico per questa storia sembra particolarmente importante, perché devi far credere agli spettatori che hai ragione a uccidere qualcuno.

Si Esattamente.

Devi avere un gruppo molto simpatico e completo per riuscire a farcela, anche se non è così difficile odiare JP, siamo onesti.

È vero. [Laughs]

Come ti è stato proposto il ruolo di Becka e cosa ti ha spinto ad assumerlo?

Era solo un’audizione. Penso che mi sia stato inviato il primo episodio e mi sono messo su nastro, ma poi ho fatto una lettura di chimica con Sharon, poi ho ottenuto il lavoro. Sono passati sei mesi buoni prima che girassimo anche a causa di COVID, quindi stavo camminando per Londra pensando a Becka per molto tempo, morendo dalla voglia di tornare al lavoro e morendo dalla voglia di recitare questa parte.

Mi sono appena connesso a lei in un modo che non mi sono mai connesso completamente con altri personaggi che ho interpretato. Di solito interpreto personaggi che sono molto diversi da me. Becka si sentiva così vicina al mio cuore. Era così simile a me che crescevo, o ai miei amici che crescevano a Dublino, persone come le mie babysitter e tutte le persone intorno a me che mi hanno cresciuto. Ha significato molto per me interpretarla.

Ero spaventato perché non sai mai se otterrai il lavoro, ma mi sentivo come se dovessi interpretare lei. È stato uno di quei momenti irripetibili in cui avevo immaginato di interpretare un personaggio come lei ma non ho mai, mai letto un personaggio come lei. Mi sentivo come se fossi nel posto giusto al momento giusto, e sono stato davvero fortunato ad essere in quel posto.

Cosa mi è sembrato così familiare in Becka? Cosa hai visto di te in lei?

Il suo umorismo, il suo fascino: tutto ciò è così tipicamente irlandese. Penso che tutti abbiamo questo, ma penso che come attore, sia un po’ più pronunciato, ma quella sensazione di fallimento o di essere perso o non sapere cosa succederà dopo, mi sono connesso con quello. C’è una parte di me che si sente così.

Stavo compiendo 30 anni quando abbiamo iniziato lo spettacolo, e lei è così frenetica. È così chiaramente una ragazza di 20 anni che cerca di capirlo. Avevo appena attraversato quel decennio della mia vita e lo stavo elaborando e pronto per entrare in un nuovo decennio. E così, in un certo senso, potrei abbracciare tutti quei sentimenti di commettere errori, metterli tutti in Becka e poi salutarli.

Eve Hewson e Sharon Horgan in

AppleTV+

Eva è la mamma de facto del gruppo, ma sento che è particolarmente vero per lei e Becka. Quella vicinanza era evidente tra te e Sharon fin dall’inizio?

Si Credo di si. Sharon è davvero solo una persona meravigliosa. La guardo come una sorella maggiore in un certo senso. Guardarla fare il suo lavoro, è un’educazione incredibile vedere qualcuno essere così impegnato in quello che sta facendo e così impegnato. Non passa un secondo in cui si prende una pausa. Entra nella roulotte del trucco e scrive sul suo laptop dal momento in cui è lì. Lavora, lavora, lavora tutto il giorno e ne sono stato così ispirato. La adoro e l’ho sicuramente portato in Becka e nella relazione. Alla fine ci siamo sentite davvero sorelle… e penso che questo sia stato trasferito sullo schermo.

Ci sono stati molti spettacoli negli ultimi anni sulla cultura irlandese, le famiglie, gli amici. C’è Cattive sorelle, Derry GirlS, Gente normale, Conversazioni con gli amici. Quale pensi sia il fascino della cultura irlandese?

Il nostro mestiere è la narrazione. Siamo sempre stati grandi narratori e abbiamo anche sempre avuto un forte senso della nostra cultura, della nostra musica, poesia e letteratura. Siamo anche molto divertenti. Penso che una cosa degli irlandesi sia che non ci sentiamo mai veramente dispiaciuti per noi stessi. Non ci prendiamo troppo sul serio. Non crogioliamo nella nostra pietà, eppure penso che siamo piuttosto drammatici. C’è qualcosa in quel tipo di personaggio che penso sia interessante in TV e al cinema, a teatro, qualunque cosa sia.

Ovviamente, sono di parte, ma [Irish people] sono le mie persone preferite al mondo, quindi ho sempre pensato che fossimo davvero interessanti e degni di un appeal globale. Ma è incredibile che negli ultimi anni [there have been more Irish stories]. E penso davvero che lo fosse Gente normale che ha dato il via. Penso che abbiamo sempre fatto grandi opere d’arte, ma la TV ci ha permesso di raccontare diversi tipi di storie. E con Cattive sorelleè stata una specie di prima volta che hai visto una classe media, una specie di famiglia moderna in Irlanda che sembrava così imparentabile con gli irlandesi ora, ma immagino anche con l’America.

Sono davvero orgoglioso. È un momento speciale quello che sta accadendo, e non sono solo storie di contadini e suore. [Laughs] Abbiamo molti personaggi diversi e molte culture diverse all’interno della nostra isola, quindi ne sono davvero molto orgoglioso.

Cattive sorelle mostra un lato diverso degli abusi domestici rispetto a quello che normalmente vediamo in TV e nei film. Mostra come un violentatore manipola il proprio partner in isolamento, ma anche come l’abuso si riversa su tutti. Perché pensi che sia importante mostrarlo?

Oh, Dio, è davvero importante. Non ho visto tutti gli spettacoli là fuori che parlano di questo, ma quello che mi piace del nostro spettacolo è che ha una storia così oscura, forte e importante da raccontare, ma è ambientato in un mondo che sembra molto familiare. Sembra accessibile, sembra vero e autentico per la vita di tutti i giorni. La parte sconcertante è che, wow, questo accade davvero a persone normali ogni giorno, e non è solo una versione più accentuata, più intensa, più drammatizzata. La vita può essere divertente, e può essere triste, e può essere bella, e può essere davvero fottutamente difficile, e penso che il nostro spettacolo lo catturi.

È per questo che il pubblico ne è stato attratto, perché stiamo dicendo qualcosa che conta davvero. Stiamo cercando di raccontare una storia che conta davvero, ma non stiamo nemmeno esaurendo lo spettatore e traumatizzandolo troppo da renderla inguardabile. In un certo senso, ha più potere, perché è anche molto divertente, ti fa ridere ea volte ti fa ridere. È più facile, immagino, digerire la realtà degli abusi domestici nella trama per questo motivo.

Eve Hewson e Claes Bang in

AppleTV+

Quello che amo di Becka è che i suoi grandi sentimenti sono così in superficie. C’è una delicatezza in lei, eppure è disposta a uccidere qualcuno. Sento che c’è una connessione tra quanto profondamente si preoccupi per le persone, quanto siano crudi quei sentimenti e la sua disponibilità ad agire di conseguenza in modi estremi. Sei d’accordo?

Assolutamente. È aperta e fiduciosa e porta il suo cuore sulla manica, perché penso che sia costantemente alla ricerca di quell’amore che non ha ricevuto dai suoi genitori. I loro genitori sono morti quando lei aveva 2 o 3 anni. Quel tipo di accogliere le persone e invitare le persone nella sua vita e fidarsi delle persone, questo è tutto ciò che sta cercando di riempire il suo cuore spezzato, e diventa particolarmente straziante quando si fida di JP e lui la frega. Vedi le ruote che iniziano a girare e lei inizia a guardare il mondo in modo diverso. E poi le scelte che fa a causa di ciò finiscono per spezzarla ancora di più.

Mi è piaciuto interpretare quel personaggio, anche se è stato davvero difficile farlo emotivamente. C’erano molti giorni in cui tornavo a casa ed era una mentalità difficile in cui trovarsi, essere così aperto e così vulnerabile. Ma, sai, si sente una persona reale. Conosco così tante persone così. Ha così tante sfaccettature diverse in lei, come il fatto che è la bambina e quella divertente, ma poi è anche coinvolta nell’omicidio psicopatico e ne viene davvero coinvolta. [Laughs] Adoro interpretare personaggi che hanno un ampio spettro di personalità. Lei è molte persone diverse in quella persona.

Penso che tutte le sorelle arrivino a questo punto, ma Becka sembra credere soprattutto che JP debba morire. È come se fosse buon senso per lei, e penso che lo spettacolo faccia un ottimo lavoro nel renderlo così chiaro allo spettatore. È come “Earl doveva morire”, sai?

Sì, totalmente. È quella forza della famiglia. Davvero, se stesse accadendo a uno dei miei fratelli oa un genitore o altro, sentiresti quell’intensa rabbia. Sto dicendo che ucciderei qualcuno [Laughs]. Ma voler proteggere il tuo familiare, penso che sia ancora più forte per [the Garvey sisters] perché non hanno i genitori e hanno sofferto. Hanno dovuto essere questa unità e devono davvero proteggere la loro unità.

E la posta in gioco è ancora più alta perché li ha traumatizzati tutti. Non è solo che è venuto per quello di loro. È venuto per tutti loro.

Sì, sta facendo a pezzi le persone. Li sta distruggendo.

Sono così incuriosito di vedere dove potrebbe andare dopo, dal momento che il grande mistero è risolto nel finale della prima stagione. Puoi dare qualche indizio su cosa accadrà nella seconda stagione?

Ad essere perfettamente onesto, davvero non lo so. So alcune piccole cose da quello che sto ricevendo. Lo spettacolo è fedele alla vita, come autentico alla realtà della vita in un certo senso. Se questo è realmente accaduto, se una famiglia è stata davvero coinvolta in questo, e se Grace ha davvero fatto questo, quelle conseguenze non sarebbero scomparse completamente dopo la fine della stagione, l’omicidio è finito.

Se pensi a quello spettacolo Linea di sangue, come è andata avanti e come ci sono conseguenze per queste cose, penso che sia qui che lo porteremo. Sembrerà ancora la vita reale, e poi avrà anche la gioia, il divertimento e il ridicolo. Non sarà come uccidere un coglione ogni stagione. [Laughs] Non sarà così. Non ti faremo questo. Ma penso che vedremo le sorelle cercare di affrontare le conseguenze di quello che è successo la scorsa stagione.

Cattive sorelleStagione 1, Streaming ora, Apple TV+

Fonte: https://www.tvinsider.com/1095996/bad-sisters-becka-garvey-eve-hewson-sharon-horgan/

Avatar photo

Sylvain Métral

J'adore les séries télévisées et les films. Fan de séries des années 80 au départ et toujours accroc aux séries modernes, ce site est un rêve devenu réalité pour partager ma passion avec les autres. Je travaille sur ce site pour en faire la meilleure ressource de séries télévisées sur le web. Si vous souhaitez contribuer, veuillez me contacter et nous pourrons discuter de la manière dont vous pouvez aider.