“Gli anelli del potere”: Owain Arthur e Sophia Nomvete parlano di Dwarf Women, Durin e Disa’s Love

“Gli anelli del potere”: Owain Arthur e Sophia Nomvete parlano di Dwarf Women, Durin e Disa’s Love

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere rappresenta una serie di primati per gli adattamenti cinematografici di JRR Tolkien. È la prima volta che i fan vedono sullo schermo le storie della Seconda Era della Terra di Mezzo (tutte le versioni precedenti sono ambientate nella Terza Era), la prima volta che i regni e le culture della tradizione tolkieniana vengono visti prima che il loro tragico destino si abbattesse su di loro. , e, in quello che è stato particolarmente emozionante per gli amanti di questo mondo, la prima volta che abbiamo visto i Nani (comprese le donne Nane!) nella loro massima potenza nelle profondità di Khazad-dûm.

La ricca e fiorente cultura dei Nani, non le sue tragedie viste in Compagnia dell’Anello E Lo Hobbit trilogy, viene finalmente mostrato in dettaglio nella prima stagione dell’epopea fantasy di Prime Video, guidata da Owain Arthur e dall’affascinante principe Durin IV e dalla principessa Disa di Sophia Nomvete. Secondi solo agli Hobbit, i Nani hanno sempre fornito grande, chiassoso umorismo e calore nel mondo di Tolkien. Durin e Disa sono stati subito i preferiti dai fan quando la serie ha debuttato nel settembre 2022 grazie a quel calore e umorismo.

Con la Stagione 2 all’orizzonte e le votazioni degli Emmy in corso, TV Insider si è connesso con Arthur e Nomvete per spiegare come hanno portato la cultura dei Nani sullo schermo attraverso l’infinita scorta di amore che Durin e Disa hanno l’uno per l’altro, i loro compagni Nani e il loro amico elfico estraneo, l’Elrond di Robert Aramayo.

Ben Rothstein/Prime Video

Parlami delle tue audizioni.

Sofia Novete: Non abbiamo mai fatto un provino insieme! Hanno rischiato che noi stessimo insieme, perché non avevamo un test di chimica. È stato davvero interessante, perché all’inizio non avevo assolutamente idea di chi stessi interpretando e quale fosse lo spettacolo. Ma l’hanno descritta come una sorta di carattere gioioso, forte, materno. E all’epoca ero molto, molto incinta. Materno – ero tipo, potevo farlo.

Sono andato a fare un’audizione e ho letto questo incredibile copione. Mi hanno chiesto di cantare a squarciagola. Dissero: “Ti dispiacerebbe? In caso contrario, va assolutamente bene. Ma se c’è qualcosa che potresti fare, te ne saremmo davvero grati”. Così ho cantato la versione di Eva Cassidy di “Ain’t No Sunshine”. Quindi, quella è stata la mia prima audizione. Non avevo idea della storia. In realtà, quando penso a “Ain’t No Sunshine”, è una canzone meravigliosa e adatta a Disa e Durin, per quello che prova per lui. È stato tutto abbastanza fortuito.

Poi ho fatto la mia seconda audizione, e poi è arrivata la chiamata per dire: “Fai le valigie, andrai in Nuova Zelanda. Interpreti Disa, la nostra prima nana femmina mai vista sullo schermo nel mondo di Tolkien e moglie di Owain Arthur nel ruolo del principe Durin. Era piuttosto selvaggio.

Owain Arthur: [My audition] era simile. Beh, ovviamente non avevamo un test di chimica, perché ero in Serbia [filming a different project], quindi non potevo essere rilasciato fuori dal set, motivo per cui non sono riuscito ad arrivare alla lettura della chimica, e quindi mi stavo mangiando le unghie dicendo: “Oh no! Potrei essermelo perso solo perché non ero in grado di essere lì. Ma poi è arrivata la telefonata. [To Nomvete] Devi avermi procurato il lavoro essendo brillante.

Nome: Non sapevo nemmeno che doveva esserci un test di chimica. Forse avresti dovuto fare un test di chimica con qualcun altro… [Arthur laughs]

Sophia Nomvete nei panni di Disa dietro le quinte della prima stagione di 'The Rings of Power'

Sophia Nomvete nei panni di Disa dietro le quinte di Gli anelli del potere Stagione 1 (Credit: Matt Grace/Prime Video)

Quindi non avevi un test di chimica. Quando vi siete incontrati per la prima volta e avete iniziato a lavorare insieme, avete sentito un legame istantaneo lì, che avreste lavorato bene insieme?

Artù: Sì, sicuramente. L’ho incontrata negli appartamenti in cui alloggiavamo. Scese in ascensore con un seguito dietro di lei, sua figlia nel braccio sinistro, e disse: “Oh ciao, amore!” È stato solo istantaneo.

Nome: Oh, l’abbraccio più grande. Mi hai appena guardato e hai detto: “Andrà tutto bene”.

Artù: Hai solo bisogno di cinque secondi con lei per sapere: “Beh, c’è uno spasso!” E fortunatamente, questo è quello che abbiamo avuto. Siamo appena stati molto a nostro agio l’uno con l’altro.

È adorabile. Quello che penso che gli spettatori amino di più delle tue esibizioni è il vero amore, il calore e l’umorismo che emanano da Durin e Disa. Come ci sei arrivato?

Nome: Quello che penso sia adorabile in loro, e penso che sia davvero importante, è che mi sento come se fossero una coppia davvero iconica in questo momento. Sono un matrimonio felice. Loro sono una coppia unita, forte che si presenta anche così, lo dirò. E penso che questo sia davvero importante: sono così innamorati l’uno dell’altro, così a loro agio e così reali e autentici in come sembrano molti matrimoni. Li trovo davvero riconoscibili.

L’ho detto prima, e lo dirò di nuovo, era davvero importante che Disa non fosse in alcun modo sottomessa o interpretasse “la moglie di”, e non lo è. Per poterlo fare, hai bisogno di un personaggio che sia abbastanza forte nel proprio potere, nella propria fiducia da permettere alla donna o alla “moglie di” di brillare in quel modo. E sia Durin che Owain ne hanno in abbondanza.

Sono così rispettosi di Disa/Sophia, che è facile accettare la sfida. E così nascono Durin e Disa, che sono esilaranti, meravigliosi e forti e così disperatamente innamorati e impenitenti nel dimostrarlo, ma che hanno anche le loro liti, il che è così vero per qualsiasi relazione, amicizia e matrimonio. È stata un’opportunità davvero entusiasmante, perché la cultura dei Nani dice: “Vai”. Se sei arrabbiato, stai spaccando pietre. Se sei innamorato, stai baciando con la passione più dura. Per interpretarlo dobbiamo sentirci davvero al sicuro l’uno nella compagnia dell’altro, e penso che lo facciamo, quindi abbiamo l’opportunità di presentare una relazione d’amore, che è qualcosa che non vediamo tutti i giorni, in particolare non nel genere fantasy.

Artù: Aggiungerò a ciò che portiamo un elemento della classe operaia anche nella Terra di Mezzo e la domesticità che è abbastanza riconoscibile. Penso davvero che ci sia un calore in un matrimonio della classe operaia nell’accogliere qualcuno in casa tua e preparargli una torta e mettere il bollitore in modo che tu possa avere una tazza di tè e una chiacchierata. È qualcosa che trovo particolarmente caloroso tra noi due. Anche se siamo principe e principessa, è bello avere una coppia terrena e con i piedi per terra che è così innamorata l’una dell’altra, che si appoggia l’una all’altra. Sono una vera e propria partnership. È raro non solo nel fantasy, ma anche nella narrazione. Ci sono anche alcune sfide in arrivo. Siamo testati nella seconda stagione, il che è fantastico.

Owain Arthur nei panni di Durin dietro le quinte della prima stagione di 'The Rings of Power'

Owain Arthur nei panni di Durin dietro le quinte di Gli anelli del potere Stagione 1 (Credit: Matt Grace/Prime Video)

Diresti che la loro relazione è unica per i Nani in questo mondo, o diresti che sono un ottimo esempio di matrimoni tra Nani?

Nome: Oh, questa è una domanda davvero interessante. Penso che in ogni mondo le relazioni siano diverse su tutta la linea. Quello che abbiamo cercato di emulare è la cultura del Nano. Siamo creature di Aulë, ma con Aulë c’è Yavanna. Ci sentiamo come se personificassimo quel tipo di enorme inizio spirituale, se vuoi. E penso che in tutta la cultura nanica cercheremo sempre di essere così.

Certo, ogni relazione sarà diversa, ma penso che lo emuliamo. Perché una cosa che Tolkien ha detto è che i Nani, in particolare maschi e femmine, non si possono distinguere. Sto parafrasando, ma poiché Tolkien ci invita a interpretare tutto ciò che scrive a modo nostro, l’abbiamo preso e detto, hai assolutamente ragione. Quello che puoi dire è la loro essenza, la loro forza, il loro status e il loro rispetto. Questo è ciò con cui sono assolutamente alla pari. E quindi vorrei dire che filtra attraverso l’intera cultura nanica, che in ogni matrimonio non ci sarà gerarchia.

Ci sono alcune differenze generazionali tra Durin e suo padre, re Durin. Pensi che le loro opinioni sulle relazioni siano generazionalmente diverse? O pensi che sarebbero d’accordo?

Artù: C’è un divario, credo, in entrambe le generazioni. Penso che l’effetto di Elrond su Durin gli abbia aperto gli occhi e lo abbia fatto riflettere un po’ di più rispetto al resto di Khazad-dûm. E impara costantemente, come Elrond impara costantemente, sulla Terra di Mezzo, su se stesso. E quindi, forse Durin III, interpretato dal meraviglioso Peter Mullan, non è così aperto, non così lungimirante come lo è Durin.

In un certo senso è uno specchio di ciò che la nostra società sta attraversando oggi, nei cambiamenti che sono avvenuti e nello sviluppo per il bene che sta accadendo ora. Ma allo stesso tempo, penso che entrambi i cuori siano pieni di amore e apertura. Certamente, nella prima stagione, tutto è fatto per quello che pensano sia la cosa giusta. Che noi come pubblico siamo d’accordo o meno, penso che sia interessante esplorare quella strada di, sì, ovviamente, tutti hanno un buon punto per il motivo per cui stanno facendo qualcosa. È tutto per amore, ma fino a che punto nell’oscurità sei disposto ad andare per raggiungere quel bene più grande?

Come hai detto, Disa è il primo personaggio di donna nana che abbiamo visto in questo universo. Quali sono i tratti chiave che volevi far emergere in Disa che differenziano le donne nane dagli uomini nani?

Nome: Volevo far emergere la forza gioiosa ed eccitante in un ottovolante femminile. La realtà è che siamo in una società in cui ora stiamo esplorando la forza di una donna. E penso che a volte possiamo essere chiusi in quello che sembra. Dobbiamo essere forti, dobbiamo difendere noi stessi, dobbiamo anche essere senza paura nel nostro approccio. Ma penso che la mia opinione su Disa, che è stata davvero utile per me come donna in questo spazio e nello spazio del mondo, sia che dovremmo semplicemente festeggiare ovunque ci troviamo.

Sophia Nomvete nel ruolo di Disa che canta nella prima stagione di

Disa canta alla montagna come parte di una cerimonia di risonanza a Khazad-dûm in Gli anelli del potere Stagione 1 (credito: Ben Rothstein/Prime Video)

Di solito ci troviamo in un sacco di posti, a volte in un solo giorno, in cui siamo senza paura, assolutamente terrorizzati, gioiosi e colpiti da un sentimento che ci porta nelle profondità della tristezza.

Essere così forti ed essere in grado di lottare per noi stessi, e poi tremare in un angolo quando semplicemente non ne abbiamo la forza. Essere una madre, essere un genitore e dover mantenere uno spazio in un mondo che è stato prevalentemente in un certo modo, che aspetto ha? Come lo facciamo? Come lottiamo per quel rispetto con gioia, con felicità, con apertura, educazione e comprensione nei nostri cuori? E quindi volevo emulare tutto ciò in Disa e inondarlo semplicemente con il calore e l’amore in modo che non fosse troppo tipo, “Questo è quello che facciamo come donne!” È tutto fatto con amore, morbidezza, intelletto, intelligenza e lungimiranza.

Artù: Anche lei è speciale perché è una Risonatore. È qualcosa che guardo sempre come Durin con stupore e meraviglia e semplicemente puro, “Fai di nuovo la cosa risonante!” Anche questo è qualcosa di veramente speciale in Soph. Ha una voce cantilenante. Cintura.

Di cosa sei più orgoglioso delle tue esibizioni nella prima stagione?

Nome: Sono orgoglioso dell’unicità della loro relazione e di ciò che abbiamo fatto con Khazad-dûm, con tutte le relazioni all’interno di Khazad-dûm. Sono orgoglioso di ciò che rappresentiamo nel mondo fantasy in termini di qualcosa che non abbiamo mai visto prima. E sono orgoglioso di poter spingere ogni emozione al suo limite assoluto. Mi piace pensare – e spesso sentiamo, per fortuna – che abbiamo toccato i fan in un modo che non avevano mai visto prima. Non hanno visto Khazad-dûm in questo modo. Non hanno visto i Nani in questo modo. Sembra un mondo di primati e sono davvero orgoglioso che siamo riusciti a raggiungerlo relativamente illesi. [Laughs]

Artù: Sono orgoglioso del lavoro che abbiamo svolto. La quantità di lavoro che abbiamo svolto personalmente nella ricerca dei nostri personaggi, nella nostra amicizia, nella nostra relazione e nel vivere quel momento a casa. So di aver lavorato duramente per questo, e quindi non dubito affatto di quello che ho fatto, il che è strano da dire per un attore. Sostengo il mio lavoro qui. È un po’ una pietra miliare, suppongo, per un attore essere orgoglioso del proprio lavoro.

TIl Signore degli Anelli: Gli Anelli del PotereStagione 1 disponibile ora, Prime Video

Fonte: https://www.tvinsider.com/1095853/the-rings-of-power-durin-disa-dwarf-owain-arthur-sophia-nomvete/

Avatar photo

Sylvain Métral

J'adore les séries télévisées et les films. Fan de séries des années 80 au départ et toujours accroc aux séries modernes, ce site est un rêve devenu réalité pour partager ma passion avec les autres. Je travaille sur ce site pour en faire la meilleure ressource de séries télévisées sur le web. Si vous souhaitez contribuer, veuillez me contacter et nous pourrons discuter de la manière dont vous pouvez aider.