Le richieste di Charter potrebbero presto mettere sotto pressione Fox, Paramount e Warner alla Disney

Le richieste di Charter potrebbero presto mettere sotto pressione Fox, Paramount e Warner alla Disney

La guerra tra il colosso della televisione via cavo Charter Communications e il titano dei contenuti Disney, per circa 2 miliardi di dollari di costi di programmazione, potrebbe avere conseguenze di vasta portata per l’industria dei media nel suo insieme. Giovedì la Disney ha ritirato i suoi popolari canali televisivi, tra cui ESPN, ABC e Disney Channel, dal servizio via cavo Charter’s Spectrum, che copre quasi 15 milioni di case, molte in grandi mercati come New York e Los Angeles. Le due parti stanno litigando sulla questione della Disney che fissa tariffe più alte, mentre Charter vuole maggiore flessibilità nel modo in cui offre le proprietà Disney. Charter vuole inoltre offrire servizi di streaming Disney come Hulu e Disney+ senza costi aggiuntivi per i propri clienti, il che ridurrebbe parte delle nuove entrate che Disney ottiene da queste popolari piattaforme.

Questo tipo di conflitto non è raro nel settore dei media, soprattutto ora che le società di contenuti e i loro distributori lottano per mantenere i ricavi mentre i consumatori si rivolgono sempre più alle piattaforme di streaming. Charter stima di pagare alla Disney circa 2,2 miliardi di dollari all’anno per i suoi programmi, ma ogni nuovo aumento delle tariffe minaccia la base di abbonati poiché sempre più persone annullano l’abbonamento alla TV via cavo per passare allo streaming. Gli analisti della società di ricerca MoffettNathanson ritengono che “il futuro di questa negoziazione tra Charter e Disney avrà implicazioni drammatiche per il resto del settore al di fuori della Disney”.

La principale fonte di conflitto nelle discussioni è la richiesta di Charter che i servizi di streaming Disney siano disponibili per un ampio gruppo di abbonati, senza costi aggiuntivi. Tuttavia, la Disney ha creato una serie completa di programmi separati da quelli sui suoi canali televisivi, comprese le serie basate su Star Wars e Marvel, e la società vuole sicuramente ottenere un ritorno sui suoi investimenti in questi programmi.

Se Charter e Disney non raggiungessero rapidamente un accordo, gli abbonati Charter potrebbero perdere l’accesso alle trasmissioni “Monday Night Football” e ad altri popolari contenuti Disney. Questa battaglia tra le due parti potrebbe anche influenzare il settore in modo più ampio. “Se ne seguono altri, aumenta il rischio di future controversie sulla distribuzione, blackout e minore crescita degli affiliati”, ha affermato Steven Cahall, analista del settore dei media di Wells Fargo.

La crescente domanda da parte dei consumatori di servizi di streaming sta spingendo le società di contenuti a offrire più sport, notizie e programmi con script su piattaforme come Paramount+, Hulu, Max, Tubi e altre. Tuttavia, continuano a fare affidamento sulle tariffe che Charter e i suoi concorrenti pagano per i programmi. La risoluzione dell’attuale scontro tra Disney e Charter potrebbe interessare non solo quelli di Disney’s Magic Kingdom, ma anche altri operatori del settore dei media.

Una volta i distributori di contenuti avevano accesso esclusivo a spettacoli ed eventi sportivi ad alto pubblico. Nel 2023, questo accesso sarà molto più limitato, spingendo Charter a presentare ulteriori richieste. Con la crescente popolarità dello streaming, gli abbonati via cavo sono sempre meno interessati alle offerte attuali. Charter si rifiuta quindi di pagare di più per contenuti che già sono meno attraenti per i suoi abbonati.

L’aumento dei servizi di streaming potrebbe avere conseguenze imprevedibili per l’industria dei media. Fox Corp., Paramount Global e persino Comcast sono tutti coinvolti in questa battaglia per attirare spettatori verso i loro servizi di streaming. Le trattative tra Charter e Disney potrebbero influenzare le strategie future di queste società e determinare quale sarà il prossimo passo nell’evoluzione del settore dei media.

In definitiva, l’attuale situazione tra Charter e Disney è solo un esempio delle lotte in corso nel settore dei media. Il panorama dei media è in continua evoluzione, i consumatori si rivolgono sempre più allo streaming e le aziende devono adattarsi per rimanere competitive. Questa trattativa cruciale tra Charter e Disney potrebbe plasmare il futuro dell’industria dei media nel suo insieme e serve a ricordare che tutto è in gioco nella battaglia per attrarre e trattenere gli spettatori in questa epoca d’oro dello streaming.

Fonte: varietà.com

Avatar photo

Sylvain Métral

J'adore les séries télévisées et les films. Fan de séries des années 80 au départ et toujours accroc aux séries modernes, ce site est un rêve devenu réalité pour partager ma passion avec les autres. Je travaille sur ce site pour en faire la meilleure ressource de séries télévisées sur le web. Si vous souhaitez contribuer, veuillez me contacter et nous pourrons discuter de la manière dont vous pouvez aider.