Pixar annuncia importanti tagli di posti di lavoro quest’anno, riducendo la spesa per gli originali Disney+

Pixar annuncia importanti tagli di posti di lavoro quest’anno, riducendo la spesa per gli originali Disney+

Licenziamenti della Pixar a causa dei tagli alle spese di Disney+

Lo studio di animazione californiano Pixar, noto per i suoi film innovativi e accattivanti, licenzierà entro la fine dell'anno. La società madre della Pixar, Disney, continua a tagliare la spesa per le produzioni originali Disney+ e questo si sta ripercuotendo sulla Pixar.

Secondo un rapporto di TechCrunch, Pixar prevede di ridurre la propria forza lavoro di circa il 20% entro la fine dell'anno, il che significherebbe che il team passerebbe da circa 1.300 a meno di 1.000 dipendenti. Tuttavia, la Pixar ha da allora respinto questo annuncio confermando che ci saranno licenziamenti, ma che il numero totale è ancora in discussione.

Impatto sulle produzioni originali Disney+

La maggior parte delle posizioni eliminate saranno quelle che lavorano su produzioni originali Disney+. La Pixar ha recentemente completato la produzione di diversi titoli per il servizio di streaming, tra cui “Win ​​​​or Lose”.

Impatto sui film Pixar

Per quanto riguarda i film, le recenti uscite della Pixar includono “Elemental” nel 2023 e “Lightyear” e “Turning Red” nel 2022, che hanno tutti faticato a raggiungere il successo previsto al botteghino. I prossimi piani per il 2025 includono un sequel di “Vice-Versa” e un’avventura fantascientifica intitolata “Elio”.

Gli sforzi della Disney per trarre profitto dallo streaming

La Disney, come la maggior parte dei suoi rivali, ha investito miliardi di dollari nel lancio di una piattaforma di streaming in concorrenza con Netflix. Tuttavia, la società ha ridotto questo investimento nel tentativo di raggiungere la redditività dello streaming.

Lo scorso trimestre, la Disney ha registrato una perdita di 387 milioni di dollari nel segmento direct-to-consumer, rispetto a 1,47 miliardi di dollari dell’anno precedente. La società ha costantemente affermato che la sua attività di streaming sarà redditizia entro la fine del 2024, se non prima.

Spesa per contenuti ridotta

A novembre, la Disney ha dichiarato che taglierà la sua spesa per i contenuti a circa 25 miliardi di dollari nel 2024, dai circa 27 miliardi di dollari del 2023. Quasi il 40% della sua spesa annuale per i contenuti è destinata allo sport, mentre i restanti 15 miliardi saranno investiti nell’intrattenimento.

Lo scorso febbraio, la Disney ha rivelato piani per realizzare risparmi per circa 5,5 miliardi di dollari, compreso il taglio di circa 7.000 posti di lavoro. Nel contesto di questi tagli, sono state eliminate circa 75 posizioni presso la Pixar.

Due mesi dopo, la Disney ha superato la stima iniziale e ha tagliato circa 8.000 posizioni. Ha inoltre aumentato il suo obiettivo di risparmio sui costi a 7,5 miliardi di dollari. Nell’ambito di queste misure, la Disney ha affermato che realizzerà un risparmio di 4,5 miliardi di dollari relativi ai contenuti.

Fonte: www.c21media.net

Avatar photo

Sylvain Métral

J'adore les séries télévisées et les films. Fan de séries des années 80 au départ et toujours accroc aux séries modernes, ce site est un rêve devenu réalité pour partager ma passion avec les autres. Je travaille sur ce site pour en faire la meilleure ressource de séries télévisées sur le web. Si vous souhaitez contribuer, veuillez me contacter et nous pourrons discuter de la manière dont vous pouvez aider.