Recensione K-drama di Netflix: A Killer Paradox – Choi Woo-shik rivela il suo lato oscuro in un elegante thriller da vigilante con un tocco originale

Recensione K-drama di Netflix: A Killer Paradox – Choi Woo-shik rivela il suo lato oscuro in un elegante thriller da vigilante con un tocco originale

5 nuove serie drammatiche coreane da guardare nel febbraio 2024

Se Vigilante ha esplorato le diverse facce che la giustizia può assumere, A Killer Paradox rifugge l’introspezione morale in favore di qualcosa di più inquietante. Questa serie ha come protagonista un giovane poco attivo, dal carattere discutibile, i cui impulsi violenti vengono perdonati grazie all'idea fantastica della storia.

Se Joker non esistesse già, sarebbe giusto descrivere questa serie come una versione incel di Batman. Eppure, proprio come la storia delle origini del famoso cattivo dei fumetti DC Comics, questa nuova serie è altamente stilizzata e spesso divertente.

Un personaggio dai volti scuri

Choi interpreta Lee Tang, uno studente universitario che non agisce mai secondo le sue idee. La sua idea attuale è quella di andare in Canada per un programma di lavoro all'estero e visitare le Montagne Rocciose.

Lavora in un minimarket, beve molto con il suo amico fiorito ed è il tipo di ragazzo che tradisce la sua ragazza prima di iniziare il servizio militare.

Unisciti in un Killer

Eppure Tang viene nuovamente risparmiato moralmente dopo che anche questa donna si è rivelata un'assassina.

Il protagonista si rende conto di avere la speciale capacità di percepire quando si trova al cospetto di persone che, teoricamente, meritano di morire. Man mano che Nan-gam si avvicina a lui, è costretto a fuggire e, con l'aiuto di un altro personaggio, diventa un mix tra Batman e Dexter in questa serie, un serial killer che uccide gli assassini della serie.

Lo stile soprattutto

Diretta da Lee Chang-hee, che in precedenza ha diretto la serie di film The Vanish and the Strangers from Hell, la serie è incentrata sulla sua grafica. Alcuni effetti sono chiaramente preferiti rispetto ad altri, come le transizioni di montaggio tra oggetti di forma simile che collegano le scene e l'uso del rallentatore estremo durante la maggior parte delle scene di combattimento.

Dopo aver vagato in direzioni diverse, la narrazione alla fine si stabilizza su una destinazione, ma una volta arrivati ​​non c'è molto da vedere. Proprio come Mask Girl, le idee sono arrivate rapidamente, ma mancava la conclusione.

Una colorata fantasia maschile

Ciò che resta è una fantasia maschile a intermittenza divertente con interpretazioni di protagonisti colorati che quasi giustificano la sua esistenza. Basta non fermarti a pensarci troppo a lungo: potrebbe non piacerti ciò che trovi sepolto sotto i suoi piaceri superficiali.

A Killer Paradox è disponibile in streaming su Netflix.

Fonte: www.scmp.com

Avatar photo

Sylvain Métral

J'adore les séries télévisées et les films. Fan de séries des années 80 au départ et toujours accroc aux séries modernes, ce site est un rêve devenu réalité pour partager ma passion avec les autres. Je travaille sur ce site pour en faire la meilleure ressource de séries télévisées sur le web. Si vous souhaitez contribuer, veuillez me contacter et nous pourrons discuter de la manière dont vous pouvez aider.